X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Negli Stati Ue reverse charge opzionale per le prestazioni «non generiche»

Il prestatore italiano è tenuto a verificare la legislazione di ciascuno Stato

/ Emanuele GRECO

Mercoledì, 23 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il legislatore comunitario ha individuato specifiche modalità di assolvimento dell’IVA per le prestazioni di servizi rese da un soggetto passivo non stabilito nel territorio dello Stato in cui la prestazione si considera effettuata.
È stato previsto l’assolvimento dell’IVA con il meccanismo del reverse charge, in via obbligatoria, per le sole prestazioni di servizi “generiche” (effettuate da un soggetto passivo non stabilito). Nel caso di prestazioni diverse da quelle “generiche”, invece, sono i singoli Stati a stabilire le modalità di applicazione dell’imposta.

Il quadro normativo in argomento è definito dagli artt. 194 e 196 della direttiva 2006/112/Ce.
A norma dell’art. 196 della direttiva, l’IVA è dovuta dal destinatario di un servizio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU