X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

I dipendenti in smart working non costituiscono S.O.

L’OCSE fa il punto sulle conseguenze della pandemia sui principali istituti della fiscalità internazionale

/ Marco MARANI

Mercoledì, 8 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Tra le restrizioni indotte dal coronavirus quella che più incide sulla vita ordinaria è la riduzione della libertà personale di movimento. C’è, ad esempio, il caso dei circa 70.000 “frontalieri”, dipendenti di aziende svizzere localizzate nel Cantone Ticino, che lavorano da qualche settimana in modalità smart working dalle proprie abitazioni in Italia. Oppure quello, tutt’altro che remoto, di figure apicali (amministratori delegati o direttori generali) di aziende estere che, per lo stesso motivo, non possono raggiungere le rispettive sedi lavorative e stanno dettando le loro linee direttive dall’Italia. Occorre porsi temi di stabile organizzazione e di residenza fiscale in Italia, con i connessi problemi di quantificazione dei redditi? A questi interrogativi è ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU