X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 13 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Contributo integrativo dovuto a prescindere dall’iscrizione alla CNPADC

Per la Cassazione, il contributo ha finalità solidaristiche e riguarda tutti gli iscritti all’Albo dei dottori commercialisti

/ Luca MAMONE

Venerdì, 29 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 10216, depositata ieri, la Cassazione ha ribadito che il venir meno dell’iscrizione alla Cassa di previdenza dei dottori commercialisti (CNPADC) non esonera il professionista che rimane iscritto all’Albo dall’obbligo di versare alla medesima Cassa il contributo integrativo di cui all’art. 11 della L. 21/86.

Con riferimento al caso in esame, la Corte d’Appello di Bologna aveva confermato quanto deciso in precedenza dal Tribunale di Ravenna, che aveva respinto la richiesta di un professionista iscritto all’Albo dei dottori commercialisti, ma non più alla CNPADC dal 1° gennaio 2007, di vedersi riconoscere l’insussistenza dell’obbligo di versare alla Cassa di previdenza il contributo integrativo sui compensi percepiti negli anni

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU