X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Nuovi impatriati con tassazione sul 30% del reddito

Restano, però, i dubbi legati al c.d. Fondo controesodo, con una dotazione di soli tre milioni di euro per i benefici «aggiuntivi» spettanti a tali soggetti

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 3 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’agevolazione prevista dall’art. 16 del DLgs. 147/2015 per i lavoratori impatriati, pur se semplificata in modo significativo dall’art. 5 del DL 34/2019, presenta tuttora alcune zone d’ombra abbastanza sensibili.
La prima di esse è legata al c.d. “Fondo controesodo”. Si ricorda, infatti, che il nuovo e più favorevole regime agevolativo, che prevede una detassazione del 70% (o del 90%, per i trasferimenti nelle regioni del Sud) in luogo del 50%, era originariamente previsto per i trasferimenti operati dal 2020 (caso che comprende anche i trasferimenti effettuati nel secondo semestre del 2019, con acquisizione della residenza fiscale italiana dal 2020).

Con l’art. 13-ter del DL 124/2019 è stato poi previsto che il nuovo regime degli impatriati competa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU