X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Imposta di successione con aliquota diversa per conviventi e uniti civilmente

La legge Cirinnà non ha assimilato le convivenze al matrimonio

/ Cecilia PASQUALE

Venerdì, 26 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il diverso trattamento riservato in sede successoria a conviventi e uniti civilmente ha conseguenze anche fiscali, in particolare con riferimento all’imposta sulle successioni. La L. 76/2016 (c.d. “legge Cirinnà”) non riconosce al convivente di fatto diritti successori, fatta eccezione per il diritto di continuare ad abitare la casa di comune residenza per due anni o per un periodo pari alla convivenza se superiore a due anni, e comunque non oltre i cinque anni (art. 1 comma 42), e per la facoltà di succedere nel contratto di locazione della casa di comune residenza stipulato dal convivente (art. 1 comma 44; si veda “Profili successori non definiti per le convivenze” del 16 settembre 2020).

Gli uniti civilmente (ossia le persone maggiorenni dello stesso sesso unite

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU