X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Buoni pasto in smart working senza ritenuta

/ REDAZIONE

Martedì, 23 febbraio 2021

x
STAMPA

Con la risposta a interpello n. 123 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che, posto che i buoni pasto riconosciuti ai dipendenti in smart working non concorrono al reddito di lavoro dipendente, ai sensi dell’art. 51, comma 2, lett. c) del TUIR, il soggetto erogante non sarà tenuto a operare anche nei confronti dei lavoratori in smart working la ritenuta a titolo di acconto IRPEF prevista dall’art. 23 del DPR 600/73, sul valore dei buoni pasto fino a 4 euro, se cartacei, ovvero 8 euro, se elettronici.

La risposta n. 123/2021 riprende la risposta a interpello della DRE Lazio febbraio 2021 n. 956-2631/2020 (si veda “Per i buoni pasto ai dipendenti in smart working non imponibilità confermata” dell’11 febbraio).

TORNA SU