X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 14 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

In caso di fallimento il giudizio deve essere riassunto entro tre mesi

Dall’Ispettorato nazionale del lavoro indicazioni sul complesso tema del fallimento del ricorrente nei giudizi avverso ordinanza ingiunzione

/ Mario PAGANO

Mercoledì, 7 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ipotesi di fallimento di un soggetto coinvolto in un giudizio di opposizione a ordinanza ingiunzione, emessa dall’Ispettorato del lavoro, sarà necessario procedere alla riassunzione del giudizio, entro il termine di tre mesi, a pena di estinzione dell’intero giudizio.
Questo è quanto emerge dalla nota n. 550/2021, con la quale l’Ispettorato nazionale del lavoro (INL) ha fornito indicazioni operative ai propri uffici legali, in relazione al complesso tema del fallimento del soggetto che abbia presentato ricorso ex art. 6 del DLgs. 150/2011 avverso ordinanza ingiunzione e, più in particolare, laddove questo soggetto rivesta nel giudizio il ruolo di obbligato in solido ex art. 6 della L. 689/81.

La tematica, contraddistinta da un articolato di norme processuali, non ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU