X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Neutralità fiscale condizionata per la fusione di società commerciale in ENC

Vanno rispettati i presupposti che, ex art. 171 del TUIR, consentono di mantenere «neutrale» un’operazione di trasformazione eterogenea

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 14 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai sensi dell’art. 174 del TUIR, le disposizioni recate dal precedente art. 172, in materia di fusioni societarie, valgono, in quanto applicabili, anche per le fusioni cui prendono parte enti diversi dalle società.
Questo vuol dire che anche la disciplina di neutralità fiscale recata dall’art. 172 del TUIR trova applicazione anche nei casi di fusioni cui partecipano, ad esempio, una società di capitali e un ente non commerciale.

Tuttavia, in una simile ipotesi, le ris. Agenzia delle Entrate 9 aprile 2009 n. 102 e 7 marzo 2017 n. 27 hanno sottolineato che la neutralità fiscale della fusione sussiste nei limiti in cui siano rispettati i presupposti che, ai sensi dell’art. 171 del TUIR, consentono di mantenere neutrale dal punto di vista fiscale un’operazione di trasformazione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU