X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Per la definizione degli avvisi bonari manca il modello per l’autodichiarazione degli aiuti

/ REDAZIONE

Venerdì, 3 dicembre 2021

x
STAMPA

Con l’interrogazione parlamentare n. 5-07157 del 1° dicembre sono stati chiesti chiarimenti in merito all’autodichiarazione prevista per poter beneficiare della definizione agevolata degli avvisi bonari introdotta con l’art. 5 commi 1-11 del DL 41/2021, relativa agli avvisi emessi ai sensi dell’art. 36-bis del DPR 600/73 e dell’art. 54-bis del DPR 633/72 a seguito di liquidazione automatica delle dichiarazioni presentate per le annualità 2017 e 2018. I contribuenti che aderiscono alla definizione in esame ottengono lo stralcio delle sanzioni da omesso versamento ex art. 13 del DLgs. 471/97 e delle somme aggiuntive per i contributi previdenziali, mentre andrà pagata la totalità delle imposte e dei contributi oltre agli interessi.

Secondo quanto previsto dall’art. 5 comma 9 del DL 41/2021 l’autodichiarazione è richiesta in quanto la definizione degli avvisi bonari si applica nel rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalla Comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020 C (2020) 1863 final “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19” e successive modificazioni.

Il provvedimento 18 ottobre 2021 n. 275852 contenente le disposizioni attuative della definizione degli avvisi bonari introdotta con l’art. 5 commi 1-11 del DL 41/2021 ha ribadito che il contribuente che intenda beneficiare della definizione in esame deve rendere, entro il 31 dicembre 2021 (o nel caso in cui non abbia ancora ricevuto la proposta di definizione, entro la fine del mese successivo a quello in cui è effettuato il pagamento delle somme dovute o della prima rata), l’autodichiarazione prevista dall’art. 1 commi 14 e 15 del DL 41/2021, per attestare il rispetto dei limiti e delle condizioni richiesti per beneficiare degli aiuti di Stato, senza tuttavia fornire indicazioni in merito alle modalità per adempiere.

Secondo quanto chiarito a seguito dell’interrogazione parlamentare presentata, “le modalità, i termini di presentazione e il contenuto dell’autodichiarazione saranno definiti con apposito provvedimento del direttore dell’Agenzia (...) il cui iter è in fase conclusiva”.

TORNA SU