X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Bancarotta semplice per il perito che sopravvaluta per colpa i beni della società

/ REDAZIONE

Venerdì, 14 gennaio 2022

x
STAMPA

La Cassazione, nella sentenza n. 680/2022, ha precisato che risponde del reato di bancarotta semplice (ex artt. 217 comma 1 n. 3 e 224 del RD 267/1942) il perito che, sopravvalutando per colpa i beni di una società, senza aggravarne il dissesto, ne ritardi la declaratoria di fallimento.

Dovrebbe, invece, collocarsi nell’alveo della ben più grave ipotesi di cui all’art. 223 comma 2 n. 2 del RD 267/1942 (che punisce il cagionamento del dissesto per il tramite di operazioni dolose) la medesima condotta che, supportata da un dolo quanto meno eventuale, aggravi il dissesto della società.

TORNA SU