Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Con l’assegno unico e universale stop ai bonus per la maternità

Il premio alla nascita e il bonus bebè sono cessati il 31 dicembre 2021

/ Elisa TOMBARI

Mercoledì, 19 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Dal 1° gennaio 2022, tutti i nuclei familiari possono richiedere l’assegno unico, indipendentemente dalla condizione lavorativa dei genitori (ad esempio, lavoratori autonomi, dipendenti, disoccupati, pensionati, ecc.) per ogni figlio a carico fino al compimento dei 21 anni (al ricorrere di determinate condizioni) e senza limiti di età per i figli disabili.
Tra le prestazioni in favore della maternità sostituite dall’assegno unico rientrano il premio alla nascita e l’assegno mensile di natalità (c.d. “bonus bebè”).

Il premio alla nascita (c.d. “bonus mamma domani”) è stato istituito dall’art. 1 comma 353 della L. 232/2016 per gli eventi di nascita, adozione o affidamento preadottivo di un minore avvenuti a partire dal 1° gennaio 2017 e consisteva

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU