Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Dai consulenti del lavoro l’analisi delle novità in materia di tirocini

/ REDAZIONE

Mercoledì, 19 gennaio 2022

x
STAMPA

Con la circ. n. 3 pubblicata ieri, 18 gennaio 2022, la Fondazione studi consulenti del lavoro torna sulla legge di bilancio 2022 analizzando le novità apportate in materia di tirocini, ripercorrendo, al tempo stesso, il quadro normativo.

Si ricorda che l’art. 1 comma 720 della L. 234/2021 definisce il tirocinio come un percorso formativo di alternanza tra studio e lavoro, finalizzato all’orientamento e alla formazione professionale, anche ai fini dell’incontro tra domanda e offerta di lavoro (il tirocinio è invece curriculare se funzionale al conseguimento di un titolo di studio).

La legge di bilancio 2022 rimanda poi alla conclusione di un accordo tra Governo e Regioni per la definizione delle linee guida condivise in materia di tirocini diversi da quelli curriculari. Le linee guida dovranno basarsi sui seguenti criteri:
- revisione della disciplina, secondo criteri che ne circoscrivano l’applicazione in favore di soggetti con difficoltà di inclusione sociale;
- individuazione degli elementi qualificanti (congrua indennità di partecipazione, durata massima, limiti numerici);
- definizione di livelli essenziali della formazione;
- definizione di forme e modalità di contingentamento per vincolare l’attivazione di nuovi tirocini all’assunzione di una quota minima di tirocinanti al termine del periodo di tirocinio;
- previsione di azioni e interventi volti a prevenire e contrastare un uso distorto dell’istituto.

La Fondazione studi si sofferma in particolare sul primo punto, in base al quale emergerebbe la volontà di limitare il tirocinio extracurriculare ai soli soggetti con “difficoltà di inclusione sociale”. Sul punto, secondo la Fondazione, l’intenzione del legislatore sarebbe quella, tra l’altro, di far intervenire le Regioni con nuove linee guida che disciplinino i tirocini anche per i soggetti che non si trovano in una condizione di “svantaggio sociale”.

TORNA SU