Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Sulle cessioni d’azienda con utile da buon affare trattamento fiscale da chiarire

Dopo la risposta n. 126/2022, sarebbe opportuna una precisazione dell’Agenzia di portata generale

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 24 maggio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Quando il costo sostenuto per l’acquisto dell’attività aziendale, da parte di un soggetto IAS adopter, è inferiore alla sommatoria algebrica del fair value delle singole attività e passività che la compongono, l’acquirente deve rilevare detta eccedenza come un vero e proprio utile nell’ambito del prospetto dell’utile (perdita) di esercizio, alla data di acquisizione (§ 34 del documento IFRS 3). A differenza dei principi contabili nazionali, il documento IFRS 3 non contempla dunque l’opzione dell’iscrizione di detta differenza in un fondo rischi del passivo (c.d. “disavviamento”).

Dal punto di vista fiscale, l’utile in questione non concorre evidentemente a formare la base imponibile ai fini delle imposte sul reddito ogni qual volta ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU