Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / AGROINDUSTRIA

Requisiti di connessione per cessione di energia fotovoltaica con profili problematici

Il solo requisito previsto dall’ordinamento parrebbe quello di «prevalenza» ex art. 2135 c.c.

/ Lorenzo MAGRO

Sabato, 6 agosto 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai sensi dell’art. 1 comma 423 della L. 266/2005, la produzione e cessione, da parte di un imprenditore agricolo, di energia elettrica e calorica da fonti rinnovabili fotovoltaiche sino a 260.000 kWh anno identificano attività connesse ex art. 2135 comma 3 c.c. e si considerano produttive di reddito agrario.

La produzione eccedente tale soglia dà invece luogo a redditi d’impresa, da determinarsi forfetariamente (salvo opzione contraria), applicando un coefficiente di redditività del 25%, purché, come precisato dall’Agenzia delle Entrate con la circolare 6 luglio 2009 n. 32, vi sia un legame di connessione tra tale attività e quella agricola.

A tal proposito, il documento di prassi, pur in assenza di puntuali indicazioni di legge, ha individuato alcuni specifici requisiti (richiamando, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU