Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Territorialità incerta per le cripto-attività

La prassi dei singoli Stati perviene a risultati disomogenei, con conseguenti situazioni dubbie per gli obblighi di monitoraggio fiscale

/ Gianluca ODETTO e Salvatore SANNA

Mercoledì, 6 luglio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il tema della localizzazione, ai fini fiscali, dei crypto-asset presenta allo stato attuale soluzioni parziali, e spesso non coerenti nell’esperienza dei vari Stati.

Con riferimento alla prassi italiana, l’Agenzia delle Entrate ha assunto un’impostazione per cui le valute virtuali sono assimilabili alle valute estere anche ai fini della disciplina sul monitoraggio fiscale (risposta a interpello n. 788 del 24 novembre 2021), con conseguente obbligo di indicazione delle stesse nel quadro RW; ciò nonostante, la difficoltà di localizzare tali attività emerge dal fatto stesso che non viene compilato il campo riferito allo Stato estero di detenzione.
Non vi sono, invece, indicazioni da parte dell’Amministrazione finanziaria italiana con riferimento agli NFT, per i quali si pone

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU