Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Campagne operate con fruizione di servizi resi da terzi senza bonus investimenti pubblicitari

/ REDAZIONE

Sabato, 13 agosto 2022

x
STAMPA

In base alla norma istitutiva e alle disposizioni attuative, sono agevolabili gli investimenti pubblicitari incrementali su quotidiani, periodici e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali a titolo di misure di sostegno al settore dell’imprenditoria, effettuati da imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali, con la conseguenza che non possono considerarsi agevolabili le spese per investimenti in campagne pubblicitarie operate indirettamente mediante la fruizione, e il relativo pagamento, di servizi resi da soggetti terzi.
L’Agenzia delle Entrate ha fornito il chiarimento nella risposta a interpello n. 421/2022.

A porre il quesito è un’agenzia di pubblicità, grafica e web che chiede chiarimenti sull’applicazione dell’art. 57-bis del DL 50/2017, evidenziando che intende fatturare i mezzi pubblicitari effettuati sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali, iscritte al ROC e sui giornali quotidiani e periodici precedentemente acquistati dagli organi di informazione alla propria clientela offrendo contemporaneamente servizi ancillari e complementari rispetto ai servizi agevolati.
La società ritiene di poter fatturare i mezzi pubblicitari effettuati “informando contemporaneamente il cliente finale della possibilità di contribuzione introdotta dall’articolo 57-bis del Decreto Legge 24 aprile 2017 n. 50 ... senza che il cliente stesso sia obbligato ad acquistare i servizi presso gli editori o le concessionarie di pubblicità a questi collegate”.

Richiamando quanto disposto dal citato art. 57-bis e dal DPCM 90/2018, che ha definito criteri e modalità del credito d’imposta, l’Agenzia giunge alla conclusione che non possono considerarsi agevolabili le spese per investimenti in campagne pubblicitarie operate indirettamente mediante la fruizione (e il relativo pagamento) di servizi resi da soggetti terzi (come, nel caso di specie, una società di ...).

TORNA SU