X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Servizi a basso valore aggiunto nella documentazione sul transfer pricing

L’Agenzia ha precisato che il documento relativo a tali servizi non è distinto e separato, ma rappresenta una parte del documento nazionale

/ Marco MAZZETTI DI PIETRALATA

Lunedì, 27 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ambito dei servizi intragruppo, da alcuni anni è stata introdotta una distinzione tra servizi legati all’attività c.d. “core” del gruppo multinazionale e i servizi c.d. “low value-adding”. Tale distinzione si riflette sulle modalità di determinazione e supporto dell’arm’s length value relativo ai servizi medesimi.

I servizi a basso valore aggiunto, definiti per la prima volta nel 2010 dal Joint Transfer Pricing Forum, sono stati disciplinati dalla sezione D2 del capitolo VII delle Linee Guida in materia di transfer pricing emesse dall’OCSE a luglio 2017. Successivamente, la loro definizione è contenuta nell’art. 7 del decreto del Ministro dell’Economia e delle finanze del 14 maggio 2018 che traspone i principi di transfer

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU