X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’edificabilità «di fatto» non assume nessuna valenza ai fini fiscali

Per la Regionale della Lombardia, l’edificabilità di un’area va desunta solo dalla qualificazione a essa attribuita nel PRG o PGT adottato dal Comune

/ Antonio PICCOLO

Lunedì, 19 novembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini tributari, l’edificabilità di un’area va desunta esclusivamente dalla qualificazione a essa attribuita nello strumento urbanistico generale (PRG o PGT) adottato dal Comune e risultante dal certificato di destinazione urbanistica dal Comune stesso. Nessuna valenza può assumere ai fini fiscali il concetto di “edificabilità di fatto” che, peraltro, non è contemplato in alcuna normativa per le aree censite in catasto.

Lo ha stabilito la Commissione tributaria regionale della Lombardia, sezione staccata di Brescia, che, con sentenza n. 144/65/12 ha respinto l’appello dell’Agenzia delle Entrate. La pronuncia merita di essere segnalata perché ci sono ancora tante Commissioni tributarie che avvalorano la bizzarra tesi del Fisco trascurando addirittura

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU