Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per i fabbricati rivalutazione «onnicomprensiva»

Rivalutando anche il terreno si può generare una plusvalenza tassabile inferiore, perché per il calcolo si terrà conto dell’importo dell’area rivalutata

/ Francesco BARONE

Mercoledì, 15 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La legge di stabilità 2014 ripropone la rivalutazione dei beni appartenenti all’impresa, anche se con differenze rispetto all’ultimo provvedimento contenuto nel DL n. 185/2008, dove era previsto il riallineamento ai valori correnti o a quelli interni dei soli immobili.

L’art. 1, commi da 140 a 146 della L. n. 147/2013, dispone, invece, la possibilità di rivalutare i beni d’impresa e le partecipazioni risultanti dal bilancio dell’esercizio in corso al 31 dicembre 2012. Si possono, quindi, rivalutare i beni immobili, esclusi quelli alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività di impresa, i beni mobili strumentali, i beni immateriali e le partecipazioni iscritte tra le immobilizzazioni finanziarie. Sui maggiori valori attribuiti ai beni si applica ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU