Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 4 dicembre 2022

IMPRESA

Anche i proventi da fatture false rilevano nella bancarotta

Anche se di provenienza illecita, il denaro si confonde col patrimonio del fallito e la successiva sottrazione può ledere gli interessi dei creditori sociali

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 10 giugno 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

A fronte dell’emissione di fatture false, anche il denaro che transitafittiziamente” sul conto della società emittente, successivamente fallita, può rilevare ai fini della fattispecie di bancarotta fraudolenta per distrazione.
È quanto emerge dalla lettura della sentenza n. 24051 di ieri, 9 giugno 2014, della Cassazione.

Tizio e Caio, amministratore di diritto e di fatto della Alfa srl, dichiarata fallita nel gennaio 2013, venivano indagati, tra l’altro, per bancarotta fraudolenta patrimoniale, avendo distratto le somme derivanti dai pagamenti di fatture emesse per operazioni inesistenti (ex artt. 223 comma 1 e 216 comma 1 n. 1 del RD 267/42). La Alfa srl, infatti, nell’ipotesi accusatoria, al fine di consentire l’evasione d’imposta alla Beta srl, società ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU