X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 22 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per le sponsorizzazioni sportive deducibilità non subordinata ai ricavi

L’inerenza della spesa non comporta la necessaria crescita del fatturato

/ Enrico SAVIO

Lunedì, 1 agosto 2016

x
STAMPA

download PDF download PDF

La spese pubblicitarie sono deducibili dal reddito d’impresa dello sponsor qualora inerenti. La C.T. Prov. di Vicenza, con la sentenza n. 732/2016 depositata lo scorso 5 luglio, ha ritenuto che l’inerenza delle spese di sponsorizzazione, sostenute per la promozione della propria immagine o dei prodotti, non possa essere legata alla sicura crescita del fatturato; pertanto il Fisco non potrà richiedere alcuna prova del collegamento diretto tra l’onere sostenuto e le (eventuali) maggiori vendite.

A sostegno della propria decisione i giudici vicentini hanno, inoltre, ribadito la valenza del principio di cui all’art. 90, comma 8 della L. 289/02 che garantisce piena deducibilità dei corrispettivi erogati a favore degli enti sportivi dilettantistici per lo svolgimento di specifiche ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU