X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 25 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Varia in base al contratto la procedura di assunzione di extracomunitari

Se il lavoratore è altamente qualificato, l’ingresso e il soggiorno in Italia possono essere ottenuti senza rispettare le quote annuali

/ Noemi SECCI

Lunedì, 17 giugno 2019

Per assumere come dipendente in Italia un cittadino extracomunitario, è necessario seguire le disposizioni specifiche del Testo unico sull’immigrazione (DLgs. 286/1998) e del suo Regolamento d’attuazione (DPR 394/1999).

La procedura da seguire è differente a seconda della tipologia di rapporto che si intende instaurare, ossia subordinato a tempo indeterminato, determinato o stagionale; se è previsto lo svolgimento di particolari attività o se il lavoratore è altamente qualificato, l’ingresso e il soggiorno in Italia possono essere ottenuti senza rispettare le quote annuali di ammissione nel territorio nazionale (per il 2019, è prevista una quota massima di 30.850 unità dal c.d. decreto flussi, del DPCM 12 marzo 2019).

Nello specifico, il datore di lavoro italiano (o straniero ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU