X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

La banca può rifiutare di pagare l’assegno al beneficiario non correntista

/ Cecilia PASQUALE

Martedì, 18 giugno 2019

Nel caso in cui il soggetto beneficiario di un assegno si rivolga alla banca trattaria (ossia la banca che ha emesso l’assegno) per ottenerne il pagamento, non può escludersi che questa rifiuti di pagare l’assegno se il beneficiario non è cliente della stessa banca, anche se il conto corrente del traente è capiente.
Infatti, se è vero che l’assegno compilato è pagabile “a vista” (può cioè essere pagato al beneficiario al momento della presentazione allo sportello), tuttavia occorre tenere conto anche della necessità delle banche di tutelarsi dal rischio di pagare assegni a soggetti non legittimati.

Di tale esigenza si dà atto anche sul sito di Banca d’Italia, ove si legge che “è necessario che le banche adottino ogni cautela per evitare i pericoli insiti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU