X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 21 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Sanzioni pesanti per la mancata consegna della busta paga

Per il datore di lavoro inadempiente il regime sanzionatorio prevede importi fino a 7.200 euro

/ Noemi SECCI

Giovedì, 10 ottobre 2019

Il datore di lavoro ha l’obbligo di consegnare al lavoratore, contestualmente alla corresponsione della retribuzione, un prospetto paga nel quale devono essere indicati i dati del lavoratore medesimo, il periodo di riferimento, le competenze spettanti e, in generale, tutte le componenti della retribuzione, le trattenute a qualsiasi titolo effettuate, la firma, la sigla o il timbro del datore di lavoro (cfr. art. 1 della L. 4/1953).
La funzione della busta paga è infatti quella di documentare quanto il lavoratore percepisce in un dato periodo lavorativo, da parte di un determinato datore di lavoro, in ottemperanza al contratto collettivo nazionale di lavoro applicato.

La L. 4/1953 non prescrive un particolare modello di busta paga, pertanto ogni datore di lavoro può adottare un proprio prospetto,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU