X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Costo «differenziato» per le quote di partecipazione in un fondo

/ REDAZIONE

Giovedì, 12 dicembre 2019

x
STAMPA

Secondo la risposta a interpello n. 509 di ieri, 11 dicembre 2019, in caso di apporto di beni da parte di un trust a un fondo di investimento, il costo fiscalmente riconosciuto delle quote del fondo, oggetto di donazione ai beneficiari del trust, deve essere individuato:
- ai fini della determinazione dei redditi di capitale, in base al valore delle quote alla data del trasferimento delle medesime;
- ai fini della determinazione dei redditi diversi di natura finanziaria, in base al costo del donante (in base alle regole contenute nell’art 68 comma 6 del TUIR).

Nel caso concreto, quindi, il riscatto delle quote, che configura in termini generali un reddito di capitale ai sensi dell’art. 44 comma 1 lettera g) del TUIR, è valorizzato in base al valore che le quote avevano in capo al trust alla data del trasferimento ai beneficiari; al contrario, eventuali capital gain sono valorizzati in base al costo di sottoscrizione in capo al trust.

TORNA SU