X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 26 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Nicola Gaiero ci mancherà, porteremo avanti il suo spirito combattivo

Martedì, 24 novembre 2020

x
STAMPA

Gentile Redazione,
Nicola Gaiero non ce l’ha fatta.

Il Presidente dell’Ordine di Cuneo, ma soprattutto l’amico di mille battaglie, di innumerevoli Coordinamenti piemontesi e valdostani, di tante discussioni – sempre positive – per il futuro della Professione che amava così tanto, è stato purtroppo piegato da questa maledetta malattia con cui stiamo convivendo e che, ancor di più in questo secondo lockdown, ci sta toccando troppo da vicino.

Solo pochi giorni fa, sulla nostra chat, ci scriveva ancora che – nonostante il casco ad ossigeno – stava continuando a lavorare “già che c’era”, certo che così, “giorno dopo giorno lo distruggo il bastardo”, ringraziandoci, che grazie a tutti noi “aveva questa forza”.
Un vero combattente. Un esempio.

Era lui, in realtà a dare la forza a noi, a provare sempre a trovare la soluzione, a comporre le fratture, a lottare per scrivere programmi, per rendere il Commercialista meno solo e più riconosciuto.
Ci mancherà questo suo spirito combattivo che, proprio per LUI, cercheremo di continuare a portare avanti, mutuando – ove possibile – la Sua arguzia, la Sua dedizione ed il Suo tratto onesto e garbato.

Gli chiediamo soltanto di salutarci lassù, appena li incontrerà, tutti gli amici che non sono più qui a patire l’ennesima norma tributaria astrusa, il mancato necessario supporto alle nostre competenze, gli amici che con LUI hanno fatto del Coordinamento del Piemonte e della Valle d’Aosta un’eccellenza nazionale.

Lo ricorderemo per la Sua attività istituzionale, per la Sua competenza civilistica e tributaria, ma anche per le Sue passioni meno professionali, lui tangueiro sopraffino, amante della musica e della buona cucina della quale ci ha deliziato tante volte.
Grazie Nicola, ci mancherai. Troppo.
Anche per uno dei Tuoi ultimi messaggi: “Tirarsi su le maniche e lavorare”.


Gli amici del Coordinamento del Piemonte e della Valle d’Aosta

TORNA SU