X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Tre atti di cessione di diritti e contratti non configurano cessione di azienda

Non è più ammissibile un’interpretazione ai fini del registro guardando a elementi extratestuali

/ Anita MAURO

Venerdì, 2 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

I tre distinti atti con cui vengono ceduti diritti di proprietà intellettuale, contratti e beni, non possono essere considerati, ai fini dell’imposta di registro, come un unico atto di cessione d’azienda, facendo leva sull’art. 20 del DPR 131/86. Solo l’applicazione della normativa sull’abuso del diritto potrebbe portare a tale conclusione.

Lo afferma la Cassazione, nella sentenza n. 9065 depositata ieri, facendo applicazione dei principi recentemente sanciti da due sentenze della Corte Costituzionale (le nn. 158/2020 e 39/2021) sulla “nuova” norma interpretativa dell’imposta di registro, recata dall’art. 20 del DPR 131/86, dopo le modifiche operate dalla legge di bilancio 2018 (art. 1 comma 87 della L. 205/2017) e dalla legge di bilancio

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU