X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Cessione di quote societarie a prezzo simbolico nulla per difetto di forma

Per la differenza tra negozio misto a donazione e donazione pura e semplice rileva se il corrispettivo è sproporzionato o del tutto irrilevante

/ Alberto VANTI

Venerdì, 1 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 809 c.c. disciplina, attraverso un richiamo parziale alle norme dettate in materia di donazione, gli atti di liberalità realizzati con negozi diversi dalla donazione, tra cui rientra il negotium mixtum cum donatione.

Tale norma non richiama l’art. 782 c.c., che prescrive la forma pubblica a pena di nullità dell’atto donativo.
Per la validità degli atti di liberalità atipici ex art. 809 c.c. non è quindi necessaria la forma solenne, bensì è sufficiente quella prevista per lo schema contrattuale effettivamente adottato dalle parti.

Infatti, come chiarito dalla Suprema Corte (Cass. nn. 23297/2009 e 23215/2010), l’estensione delle norme sulla forma della donazione, dettate a tutela del donante, ai negozi che perseguono l’intento di liberalità con schemi negoziali

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU