Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per gli accertamenti esecutivi niente rateazione «agevolata»

Per i destinatari di una pretesa con questi atti, rateazione di quanto non verseranno all’atto della notifica del ricorso con le regole ordinarie

/ Carlo NOCERA

Lunedì, 6 dicembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Che il legislatore, anche nella fase della legislazione emergenziale COVID, non avesse avuto a cuore il destino dei contribuenti già raggiunti all’inizio del 2020, ante 8 marzo, da accertamenti esecutivi, è noto: l’Agenzia delle Entrate corrispondentemente affermò in una sua circolare che nulla veniva sospeso in materia di riscossione provvisoria per quei contribuenti i quali, nonostante la notifica dell’atto impositivo, non avessero avviato una dilazione con l’agente della riscossione (spesso impossibile, stante la tempistica del procedimento di “affidamento”).

Alla fine dello scorso anno, però, con l’avvento delle disposizioni in materia di razionalizzazione dell’istituto della rateazione, tramite l’art. 13-decies del DL n. 137/2020, le ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU