X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Note di credito insufficienti per la deduzione della perdita

Occorre comunque provare che la rinuncia non dissimuli un atto di liberalità

/ Luca FORNERO

Martedì, 30 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza n. 37174 depositata ieri, la Cassazione torna ad occuparsi della questione della deducibilità delle perdite su crediti a seguito di rinuncia da parte del contribuente.

In particolare, nel caso oggetto di giudizio, l’estinzione viene attuata tramite l’emissione di alcune note di credito.
Ad avviso dei giudici, per ammettere la deducibilità della perdita, occorre che il contribuente motivi la scelta dell’emissione stessa. In particolare, occorre dimostrare di aver tentato, prima di rinunciare al credito, il recupero mediante azioni rimaste infruttuose.
Eccettuata tale ipotesi, la disponibilità del credito, la sua estinzione e l’appostazione della perdita nel Conto economico rimarrebbero alla mercé del contribuente, fuori da ogni disciplina fiscale desumibile

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU