ACCEDI
Giovedì, 25 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

L’evoluzione della prassi potrebbe rendere più attraenti i trust immobiliari

Con ipocatastali fisse e non imponibilità ai fini dell’imposta sulle donazioni cambierebbe il paradigma

/ Michele SALETTI

Venerdì, 11 marzo 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Lo strumento del trust, a trent’anni dall’entrata in vigore della Convenzione de L’Aja del 1° luglio 1985, ratificata in Italia con L. 364/1989, è uno degli strumenti cardine della pianificazione patrimoniale.

Si ricorda che il trust è uno strumento estremamente duttile, che ben si presta a diversi utilizzi. In particolar modo, in Italia, il trust è stato sovente istituito, come trust familiare, discrezionale, irrevocabile e fiscalmente opaco. A seconda di come il settlor definisce il programma dell’atto istitutivo, il trust può terminare alla dipartita dello stesso o, al contrario, sopravvivergli, accompagnando le generazioni successive della famiglia. In funzione della legge regolatrice prescelta, il trust può infatti durare anche molti decenni. Ecco che in quest’ultima

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU