ACCEDI
Venerdì, 21 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La permuta di servizi al centro dei rilievi a Meta

La Procura di Milano contesta al gruppo di Facebook e Instagram l’omessa dichiarazione IVA per gli anni dal 2015 al 2021

/ Emanuele GRECO

Venerdì, 24 febbraio 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

In questi giorni, l’opinione pubblica è venuta a conoscenza dell’apertura di un’indagine, da parte della Procura della Repubblica di Milano, in capo al gruppo Meta (che controlla, tra gli altri, Facebook, Instagram e Whatsapp), per l’omessa dichiarazione IVA negli anni dal 2015 al 2021.

Secondo quanto emerso dagli organi di stampa, l’indagine è stata avviata dalla Guardia di Finanza la quale ha ricostruito l’ammontare dell’IVA non dichiarata (il dato diffuso è di circa 870 milioni di euro) sulla base di una possibile contropartita tra le prestazioni eseguite dai social network e i dati personali forniti dagli utenti per l’iscrizione alle diverse piattaforme.

La contestazione deriverebbe essenzialmente dal fatto che le iscrizioni ai social, sebbene ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU