ACCEDI
Mercoledì, 19 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Azioni di responsabilità procedibili dopo la liquidazione giudiziale

L’inerzia del curatore legittima la prosecuzione dei giudizi promossi individualmente dai creditori

/ Saverio MANCINELLI

Giovedì, 9 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Aperta la liquidazione giudiziale, quando la società, i creditori sociali, i singoli soci o i terzi hanno subito un danno, quale conseguenza diretta e immediata dell’inosservanza di doveri stabiliti dalla legge e/o dall’atto costitutivo, viene consentito al curatore, previa autorizzazione del giudice delegato, di promuovere o proseguire le azioni di responsabilità nei confronti di amministratori, componenti degli organi di controllo, direttori generali, liquidatori, soci (di srl) e di promuovere o proseguire “tutte le altre azioni di responsabilità che gli sono attribuite da singole disposizioni di legge” (art. 255 del DLgs. 14/2019).

La citata disposizione di chiusura della norma recepisce l’orientamento formatosi nel vigore della legge fallimentare che riteneva ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU