X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Dividendi Italia-Svizzera in esenzione da ritenuta

L’accordo tra Unione europea e Svizzera del 26 ottobre 2004 richiede, però, condizioni «rafforzate» rispetto allo scenario intracomunitario

/ Marco MARANI

Mercoledì, 11 settembre 2019

Con una previsione costruita sulla falsariga della direttiva comunitaria 2011/96/Ue “madre-figlia” (recepita nell’art. 27-bis del DPR 600/73), al ricorrere di condizioni similari le società residenti in Italia, “figlie” di società di capitali svizzere, possono esimersi dall’applicare qualsivoglia prelievo alla fonte in occasione della distribuzione dei dividendi.

A dispetto della ritenuta del 15% prevista dall’art. 10 della Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Svizzera, in base all’art. 15 dell’Accordo tra Unione europea e Svizzera del 26 ottobre 2004 (sostituito, senza modifiche su questo punto, dall’art. 9 del Protocollo approvato con la decisione Ue n. 2400 dell’8 dicembre 2015), i dividendi corrisposti dalle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU