X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il forfetario traina sul 2019 32.900 nuove partite IVA in più rispetto al 2018

Sono 263.043 i soggetti che hanno aderito al regime, con un aumento del 34,5% rispetto all’anno precedente

/ Enrico ZANETTI

Giovedì, 13 febbraio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

I dati diramati ieri dall’Osservatorio sulle partite IVA del Dipartimento delle Finanze del MEF evidenziano un dato di 545.700 nuove aperture nell’anno 2019.
Si tratta di un incremento del 6,4% rispetto alle 512.800 nuove aperture di partite IVA che l’Osservatorio aveva registrato per il precedente anno 2018.

L’effetto incrementale è di 32.900nuove aperture in più” rispetto all’anno precedente ed è senz’altro auspicabile non assistere in questi giorni a letture, fuorvianti per chi le ascolta quanto imbarazzanti per chi le afferma, volte a dire che nel 2019 c’è stato un boom di oltre 500.000 partite IVA rispetto a prima.

Ciò detto, è chiaro che il predetto effetto incrementale di 32.900 nuove partite IVA, pari a un apprezzabile +6,4%, è ascrivibile ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU