X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

L’imprenditore può chiamare in causa il tribunale nella composizione negoziata

La disclosure del procedimento va vagliata dall’autorità giudiziaria solo quando incide sui diritti di terzi

/ Saverio MANCINELLI

Lunedì, 27 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il DL n. 118/2021 introduce, con entrata in vigore dal 15 novembre 2021, il procedimento di “composizione negoziata per la soluzione della crisi di impresa”, che rappresenta, di fatto, una mediazione concorsuale ad uso degli imprenditori che vogliono farvi ricorso, assistiti da un esperto. Il percorso del nuovo istituto è stragiudiziale, senza alcuna esigenza di ricorrere all’autorità giudiziaria; tuttavia, il tribunale presso cui l’impresa ha la sede principale (quindi, territorialmente competente ex art. 9 del RD 267/1942), potrebbe essere chiamato in causa (volontariamente) dall’imprenditore se questi ha necessità di misure protettive o del rilascio di determinate autorizzazioni.

Per quanto attiene la prima esigenza, l’imprenditore può chiedere, con l’istanza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU