ACCEDI
Mercoledì, 28 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Punibile il mancato accantonamento delle somme per l’INPS

Lo stato di insolvenza non libera il sostituto, che ha l’obbligo sia di corrispondere le ritenute, sia di pagare le retribuzioni

/ Maria Francesca ARTUSI

Giovedì, 7 dicembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il pagamento delle retribuzioni al personale dipendente costituisce il presupposto del reato di omesso versamento delle relative ritenute previdenziali ed assistenziali.
Al contrario, nessuna rilevanza assume a livello penale la circostanza che la relativa erogazione sia avvenuta con ritardo rispetto agli accordi contrattuali, del tutto estranei alla fattispecie criminosa.

La Cassazione, nella sentenza n. 48539 depositata ieri, ricorda che l’elemento costitutivo del reato previsto dall’art. 2 comma 1-bis del DL 463/1983 è rappresentato dall’avvenuto pagamento degli emolumenti, per effetto del quale sorge a carico del datore di lavoro, l’obbligo di versare le somme dovute all’INPS, trattenendole sulle retribuzioni stesse di cui costituiscono quota parte, posto che

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU