ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

CNDCEC: «Ridurre la pressione fiscale sul ceto medio»

In audizione sul DEF i commercialisti hanno chiesto di portare da 50 a 70 mila euro il secondo scaglione di reddito IRPEF

/ Savino GALLO

Martedì, 23 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Rifinanziare i tagli al cuneo fiscale già previsti per l’anno in corso sui redditi più bassi e poi concentrarsi sul ceto medio, attraverso il graduale incremento da 50 mila a 70 mila euro della soglia massima dello scaglione di reddito a cui applicare l’aliquota del 35%. Questi gli interventi “prioritari” che i commercialisti italiani hanno segnalato ieri nel corso di un’audizione sul DEF 2024, tenutasi dinanzi alle Commissioni congiunte Bilancio e programmazione economica di Camera e Senato.

Nel corso dell’audizione, i delegati del CNDCEC (Rosa D’Angiolella, Consigliera nazionale, e Pasquale Saggese, coordinatore dell’area fiscalità della FNC) si sono detti consapevoli che “la situazione attuale non consente molti margini di manovra”,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU