ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Legittima la detrazione dell’imposta pagata all’estero sui dividendi

La C.G.T. I Siena si allinea alla prima giurisprudenza di Cassazione sulla spettanza dei rimborsi

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 15 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza della C.G.T. I Siena n. 68/1/24 ha stabilito che le persone fisiche residenti possono scomputare l’imposta assolta all’estero sui dividendi dall’imposta sostitutiva italiana del 26%.
Si tratta di una pronuncia di particolare importanza, perché a quanto consta si conferma per la prima volta nelle Corti di merito il principio in questo senso stabilito dalla sentenza di Cassazione n. 25698/2022 (espressamente richiamato e sulla base del quale è stato incardinato il ricorso contro il diniego di rimborso). Tale sentenza, riferita ai rapporti con gli Stati Uniti, si basava sul contenuto dell’art. 23, § 3, della Convenzione con l’Italia, il quale nega il credito “ove l’elemento di reddito sia assoggettato in Italia ad imposizione mediante ritenuta

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU