ACCEDI
Mercoledì, 19 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Risarcimento del danno non invocabile se l’accertamento è giudicato legittimo

Dopo la formazione del giudicato tributario, il giudice civile non può rivalutare l’operato dell’Agenzia delle Entrate

/ Carmela NOVELLA

Sabato, 25 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il contribuente che assuma di essere stato leso da un fatto illecito imputabile all’Amministrazione finanziaria può esercitare, in sede civile, l’azione risarcitoria per responsabilità diretta nei confronti di quest’ultima soltanto previo annullamento dell’atto impositivo (e, quindi, previo accertamento dell’illegittimità dell’atto medesimo) da parte del giudice tributario. In tale ipotesi, non è ravvisabile alcuna interferenza della giurisdizione ordinaria sulle modalità di esercizio del potere amministrativo, ma soltanto l’accertamento della sussistenza di un fatto illecito causativo di un danno ingiusto e, in particolare, l’accertamento del fatto che l’atto illegittimo ha causato un danno e che detto danno ha esplicato tutti i suoi effetti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU