X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Pari deduzioni per le donazioni tra non residenti e per quelle tra residenti

Per la Corte di Giustizia, viola la disciplina europea lo Stato che preveda una deduzione inferiore se donante e donatario non sono residenti

/ Anita MAURO

Venerdì, 23 aprile 2010

x
STAMPA

Nel disciplinare l’imposta di donazione applicabile alle donazioni aventi ad oggetto beni situati al suo interno, lo Stato membro dell’Unione Europea non può, senza violare i principi di libertà di stabilimento e di libera circolazione dei capitali, disporre l’applicazione di deduzioni ridotte nel caso in cui donante e donatario non siano residenti.

Così ha deciso la Corte di Giustizia UE, nella sentenza di ieri, 22 aprile 2010, relativa alla causa C-510/08, pronunciandosi sulla disciplina dell’imposta di donazione tedesca.
La legge tedesca dell’imposta di donazione, infatti, prevede che, nel caso di donazioni aventi ad oggetto immobili situati in Germania, per le donazioni a favore dei figli venga operata una deduzione dalla base imponibile di 205.000 euro. Tale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU