X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Imposta di registro proporzionale per le Università

Secondo la Cassazione, le Università non possono essere equiparate allo Stato in quanto sono enti pubblici autonomi

/ Anita MAURO

Lunedì, 26 aprile 2010

x
STAMPA

Le Università sono enti pubblici autonomi e non più (dopo la riforma della L. 168/89) organi dello Stato. Pertanto, alle Università non possono applicarsi le norme dettate, in materia di imposte di registro, ipotecaria e catastale, per lo Stato e gli enti pubblici territoriali. Di conseguenza, i trasferimenti immobiliari operati a favore delle Università scontano l’imposta di registro proporzionale e sono soggetti alle ordinarie imposte ipotecaria e catastale.
Questo è il principio enunciato dalla Corte di Cassazione nella sentenza 21 aprile 2010 n. 9495.

La pronuncia accoglie il ricorso dell’Agenzia delle Entrate contro la sentenza della Commissione Tributaria Regionale che aveva riconosciuto l’applicabilità alle Università delle norme che, in materia di imposta di registro, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU