X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Domani lo Statuto compie dieci anni

Compleanno dello Statuto dei diritti del contribuente con tante ombre e qualche, rilevante, luce

/ Maurizio MEOLI

Sabato, 31 luglio 2010

x
STAMPA

Compie dieci anni domani lo Statuto dei diritti del Contribuente. La legge 27 luglio 2000 n. 212, infatti, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 31 luglio 2000 n. 177, è entrata in vigore il giorno successivo, l’1 agosto 2000 (cfr. l’art. 21 della L. 212/2000).
Lo Statuto, come recita l’art. 1 comma 1, detta disposizioni che costituiscono principi generali dell’ordinamento tributario e che possono essere derogate e modificate solo espressamente e mai da leggi speciali.

Da più parti, però, si è evidenziato, fin dall’inizio, come tale affermazione fosse in contraddizione rispetto al dato di fatto di avere collocato disposizioni di così grande rilevanza all’interno di una legge ordinaria, suscettibile di essere “superata” da qualsiasi legge successiva ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU