X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 28 marzo 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’azione di responsabilità non revoca in via automatica il sindaco

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 17 agosto 2010

La revoca di un componente del collegio sindacale è possibile solo se legittimata da una giusta causa e deve in ogni caso approvata con decreto dal Tribunale, sentito l’interessato (comma 2 dell’art. 2400 del codice civile).
La giusta causa di revoca può consistere:
- in un grave inadempimento, da parte del sindaco, degli obblighi inerenti all’ufficio;
- in circostanze obiettive che non consentano la prosecuzione del rapporto.

Particolarmente dibattuta è la questione relativa al caso dell’azione sociale di responsabilità promossa nei confronti del sindaco, nel senso che ci si chiede se tale azione possa determinare la revoca del sindaco “immediata”, ossia senza bisogno dell’approvazione da parte del Tribunale.
Una parte significativa della giurisprudenza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU