X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 30 maggio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Procedura «rafforzata» per la fusione con indebitamento

/ Enrico ZANETTI

Giovedì, 2 dicembre 2010

x
STAMPA

Con l’art. 2501-bis c.c., il legislatore della riforma del diritto societario, attuata con il DLgs. 6/2003, ha inteso disciplinare, con alcune specifiche disposizioni, una particolare tipologia di fusione, che deve la sua specificità non tanto alle caratteristiche sue proprie, quanto piuttosto al fatto che essa si inserisce a valle di una precedente acquisizione di partecipazioni finanziata con capitale di debito, per effetto della quale una delle società partecipanti alla fusione ha acquisito il controllo dell’altra.
Lo schema della “fusione a seguito di acquisizione con indebitamento” ricomprende al suo interno quello delle operazioni di c.d. “levereged buy out”, nelle sue diverse possibili configurazioni, ossia le operazioni di acquisto del controllo di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU