X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 30 maggio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Risarcimenti deducibili nell’esercizio in cui la sentenza è depositata

/ Salvatore SANNA

Giovedì, 9 dicembre 2010

x
STAMPA

L’analisi delle disposizioni porta spesso a rilevare che il TUIR presenta diverse asimmetrie tra norme che dovrebbero disciplinare la medesima fattispecie. Spesso, infatti, la disciplina applicabile a colui che realizza un componente positivo di reddito non  risulta speculare per il contribuente che nella stessa operazione sostiene un costo deducibile.

Un caso tipico di tale asimmetria è rappresentato dalle indennità conseguite a titolo di risarcimento, anche in forma assicurativa, di danni. Precisamente, mentre l’art. 88 comma 3 lett. a) prevede che le medesime rappresentano delle sopravvenienze attive per il risarcito (salvo i casi in cui costituiscano ricavi), tra le sopravvenienze passive disciplinate dall’art. 101 del TUIR non sono previste le indennità dovute a titolo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU