X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 10 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Società cancellata durante il processo: rebus riassunzione

/ Alfio CISSELLO

Martedì, 15 marzo 2011

x
STAMPA

Il tema della cancellazione della società dal Registro delle imprese suscita sempre dibattiti, che, tuttavia, non hanno ancora risolto alcune problematiche suscettibili di verificarsi con una certa frequenza nella pratica.
Allo stato attuale, la giurisprudenza tributaria pare abbia fatto proprio il principio delle Sezioni Unite (Cass. SS.UU. 22 febbraio 2010 n. 4062), per cui è pacifico che l’atto emanato dopo la cancellazione della società dal Registro delle imprese e intestato alla società stessa è nullo, se non, addirittura, inesistente, visto che è rivolto nei confronti di un soggetto che, semplicemente, non esiste (si veda “Dopo la cancellazione niente più accertamenti intestati alla società” del 15 aprile 2010).
Quid iuris se la cancellazione sopravviene a processo instaurato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU