Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 25 settembre 2022

IMPRESA

Delibera sul recesso salva anche senza determinare il valore delle azioni

La lesione del diritto di informazione del socio non inficia il procedimento assembleare

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 30 marzo 2011

x
STAMPA

A fronte di una deliberazione assembleare che può legittimare il recesso, la lesione del diritto del socio di essere tempestivamente  e adeguatamente informato circa il valore delle azioni non inficia il procedimento assembleare e la deliberazione che lo definisce, consentendo esclusivamente al socio che ha subìto un pregiudizio di agire in giudizio per ottenere il risarcimento del danno. A stabilirlo è l’ordinanza 14 gennaio 2011 del Tribunale di Napoli, già oggetto di commento, per differenti profili (si veda “Recesso da spa ad efficacia immediata” del 29 marzo 2011).

Ai sensi dell’art. 2437-ter, comma 5 c.c., i soci hanno diritto di conoscere la “determinazione” del valore di liquidazione delle azioni nei quindici giorni precedenti alla data fissata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU