X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 29 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Esterovestizione, recuperabili le imposte già pagate definitivamente

/ Sandro CERATO

Venerdì, 23 settembre 2011

x
STAMPA

L’art. 165 del TUIR prevede il meccanismo del credito d’imposta con riferimento a tutti i redditi prodotti all’estero, riportati in dichiarazione, rispetto ai quali il tributo sia già stato assolto in modo definitivo, ovvero quando il pagamento effettuato a titolo d’imposta non sia più suscettibile di modifiche a favore del contribuente (circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 50/2002).

A questo proposito, si rammenta che l’imposta non può considerarsi irripetibile qualora venga pagata in acconto o a titolo provvisorio, oppure – in applicazione di leggi particolari – possa essere soggetta a conguagli o rimborsi, sia totali che parziali. Il comma 4 della predetta disposizione stabilisce, inoltre, che la detrazione del credito in parola non deve essere operata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU