X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 gennaio 2021

IL CASO DEL GIORNO

Cessioni di oro, regime IVA differenziato

/ Sandro CERATO

Giovedì, 6 ottobre 2011

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini dell’imposta sul valore aggiunto, la disciplina delle operazioni riguardanti l’oro è diversa a seconda della tipologia di oro venduto, nonché delle parti interessate dalla fattispecie. In primo luogo, è necessario verificare se l’oggetto della cessione è qualificabile come “oro da investimento”, ovvero rientra in una delle specifiche categorie individuate dall’art. 10, comma 11, del DPR n. 633/1972:
- lingotti o placchette di peso accettato dal mercato dell’oro, ma comunque superiore a un grammo, di purezza pari o superiore a 995 millesimi, rappresentato o meno da titoli;
- monete d’oro di purezza pari o superiore a 900 millesimi, coniate dopo il 1800, aventi o che hanno avuto corso legale nel Paese di origine, normalmente vendute a un prezzo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU